Con il patrocinio logoMIBACTjpg

Vittorio G. Rossi, lo scrittore dimenticato rivive nel suo Museo.

"Si può amare una nave come si ama una donna, anche di più. Certo, una nave non si ama tutti i giorni, tutt'altro: vengono giornate in cui si maledice alacremente lei, chi l'ha fatta, il giorno che ci si è messo il piede a bordo. Ma neanche una donna amata si ama tutti i giorni, e neanche lei va del tutto esente dalle maledizioni." Così scrive in Pelle d'uomo Vittorio G. Rossi. uno dei nostri grandi scrittori di mare. Forse il più grande e il più dimenticato. La sua vita non ha niente da invidiare a quella di Jack London. Rossi, nato a Santa Margherita Ligure nel 1898, capitano di lungo corso,  è stato anche palombaro, pescatore, carovaniere, minatore. Ha viaggiato su mercantili sui mari di tutto il mondo e ha scritto bellissime storie di mare. La sua vita è stata "viaggiare e raccontare". Poco amato dai critici, molto dai lettori ha avuto periodi di gloria ma dalla fine degli anni Sessanta è scivolato, lentamente e inesorabilmente, nella categoria dei "dimenticati". Difficile capire perché. Forse ha scontato il fatto di non aver frequentato i salotti buoni della letteratura paludata (se vai per mare è inevitabile), forse ha pesato quella sua firma del 1925 sul manifesto degli intellettuali fascisti di Gentile, e non è poi da escludere che in un paese di santi (tanti), poeti (tantissimi) e navigatori (pochi) lettori (pochissimi) il gusto per la letteratura di mare non si sia mai veramente diffuso. Nel dimenticatoio letterario-marinaro Rossi è in buona compagnia:  Mario Appelius, Pietro Gerardo Jansen che a dispetto del cognome norvegese era nato a Margellina, Jack La Bolina, Brignetti, figlio di un guardiano del faro.
Per fortuna ci sono i musei. A Santa Margherita Ligure a villa Durazzo c'è il museo Vittorio G. Rossi,  dove con i suoi quadri, libri e oggetti personali, è stato ricostruito lo studio dello scrittore. Mettetelo nella lista delle cose da andare a vedere se passate da quelle parti. E mettete nella lista delle cose da leggere Calme di luglio. Forse non è il suo libro più noto ma merita.

50cb1b65-a5c1-44f6-9daf-48ee61aaca56.jpg

commenti sul blog forniti da Disqus